Gli Omega-3 possono ridurre il grasso nel fegato

By | luglio 20, 2017

Gli effetti benefici sul fegato sono quindi tra i motivi per mangiare cibi ricchi di omega-3 o assumere supplementi. In aggiunta ai loro benefici tradizionalmente propagandati, la nuova ricerca aggiunge la protezione del fegato alla lunga lista di ragioni per l’assunzione di integratori alimentari o alimenti ricchi di omega-3. Tuttavia, ci sono parecchi avvertimenti che le persone con problemi di fegato devono conoscere sugli omega-3 acidi grassi.

Anche se questi non possono essere prodotti dal corpo, gli acidi grassi omega-3 sono essenziali per la salute umana. Principalmente ottenuti dal cibo, gli omega-3 si trovano in pesci grassi, come il salmone, tonno e halibut o nelle alghe e krill, e oli di noce. Le migliori fonti di pesce sono lo sgombro,la trota di lago, le aringhe, le sardine,il tonno bianco e il salmone, mentre le migliori fonti vegetali includono la soia, colza, noci e semi di lino. Secondo un recente studio spagnolo, le diete ricche di acidi grassi omega-3 possono proteggere il fegato dai danni causati dall’ obesità e si consiglia da sempre anche omega 3 per i muscoli.

Questo studio dimostra per la prima volta che i lipidi chiamati protectins e resolvins derivati da acidi grassi omega-3 possono effettivamente ridurre le complicazioni epatiche, quali steatosi epatica e la resistenza all’insulina, nelle persone obese. La steatosi epatica non alcolica (NAFLD) è più comune di quanto si pensi, la sua incidenza aumenta con l’ obesità, ed è considerata la causa più comune di malattia epatica cronica nel mondo occidentale.Gli acidi grassi omega-3 hanno dimostrato di ridurre il grasso del fegato e l’infiammazione nelle persone con steatosi epatica non-alcolica. Questa condizione di salute in stadio precoce a volte può progredire a più gravi malattie, anche mortali, tra cui steatoepatite non alcolica, o NASH, così come la cirrosi e cancro del fegato.

Lo studio, pubblicato online sul Journal of Nutrition, è stato uno dei primi a confrontare direttamente gli effetti di due degli acidi grassi omega-3, spesso citati per il loro valore nutrizionale, DHA ed EPA.
Nella ricerca su animali da laboratorio, si è riscontrato che l’EPA ha avuto relativamente poco effetto sulla prevenzione della fibrosi, che è associato col NASH. Tuttavia, il DHA riduce le proteine coinvolte nella fibrosi epatica di oltre il 65 per cento.
II problema ha assunto un ruolo centrale dal momento che il peso degli americani continua ad aumentare, con relativo aumento nell’incidenza di steatosi epatica e danni al fegato.

NASH è una forma progressiva di malattia del fegato che è associato ad infiammazione cronica e stress ossidativo, risultanti da deposito di grasso in eccesso nel fegato.L’infiammazione cronica può portare a fibrosi, cirrosi, o addirittura al cancro al fegato. Mentre l’attenzione allo stile di vita, tra cui la perdita di peso e l’esercizio fisico, è un approccio per controllare l’insorgenza e la progressione della malattia del fegato grasso, sono necessari altri approcci per prevenirlo e curarlo.
I ricercatori sono giunti alla conclusione che il DHA è più efficace dell’ EPA ad attenuare l’infiammazione, lo stress ossidativo, la fibrosi epatica. Sulla base di questi risultati, il DHA può essere un integratore alimentare più attraente di EPA per la prevenzione e il trattamento potenziale di NASH negli esseri umani obesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *